sabato 3 luglio 2010

Cronache dall'Odg regionale

E dopo i resoconti dei nostri consiglieri nazionali arrivano calde calde anche le cronache della nostra consigliera dell'Odg regionale Michela Suglia. D'ora in poi il nostro blog racconterà attentamente cosa succede durante le riunioni a Strada Maggiore 6. Questo per permettere a voi colleghi (e elettori) di monitorare l'operato della nostra consigliera e di tutto il coordinamento. Un modo anche per rispondere a chi ritiene che la nostra presenza all'Ordine sia inutile: noi porteremo le nostre proposte più agguerriti che mai e ve le racconteremo qui passo passo.
Dunque, si comincia, ecco a voi le cronache delle prime due riunioni

Leggi le cronache (clicca sotto)


21 giugno, 1° riunione
Il mio debutto al Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti arriva insieme all’estate: 21 giugno, anche se oggi pioviggina e fa freddo.
Appuntamento alle 10, tutti puntuali nella sala dello spoglio (io l’ho vista per la prima volta quel giorno e quindi la chiamerò sempre così). In 9 attorno al tavolone e con i posti assegnati. Basta cercare la cartellina con il proprio nome scritto sopra, e ci si siede lì. Io sono stata ‘destinata’ accanto al presidente uscente Gerardo Bombonato, e come ‘scrutinatrice’ per l’elezione delle 4 cariche dell’esecutivo dell’Ordine, essendo io la più giovane del gruppo. Nella prima riunione infatti bisogna scegliere presidente, vicepresidente, segretario e tesoriere. Sono le cariche assegnate in genere su proposta del presidente o su candidatura. Poi si va al voto (segreto) mettendo una croce sui nomi dei consiglieri (prestampati e in ordine alfabetico) scritti su bigliettini. Normalmente c’è un accordo di massima sui ruoli, prima della riunione.
Per i primi 3 incarichi tutto scorre liscio e velocissimo: Bombonato confermato presidente, Roberto Olivieri segretario, Carla Chiappini vicepresidente (è la prima donna in questo ruolo, primati così vanno sottolineati!..). Resta da scegliere il tesoriere e il pres. suggerisce Giorgio Tonelli. Lui ringrazia ma rilancia proponendo il mio nome per dare un segnale politico visti i tanti voti presi (tra i professionisti sono stata la più votata dopo il pres.). Si apre il dibattito: dubbi vista la mia età e la non conoscenza dei meccanismi dell’Ordine, qualcuno propone un affiancamento o un avvicendamento nel corso dei 3 anni del mandato. Mi chiedono di dire la mia: sono disponibile anche se, è ovvio, sono alle prime armi – dico - ma in fondo la consigliera precaria-tesoriere sarebbe un segno importante per precari e freelance. Per risolvere l’impasse, si va ai voti e lì 7 a 2 passa Tonelli. Onore alla democrazia!
Poi Bombonato ci aggiorna sulle minacce (anche di morte) a Davide Oddone, giornalista de L’Informazione di San Marino. E si decide che, oltre alla solidarietà già espressa, l'Ordine chiederà un incontro alle autorità del Titano perché prenda posizione. Poi odg in solidarietà alle iniziative organizzate dalle varie testate contro la legge-bavaglio e aggiornamenti sul ricorso fatto al presidente della Repubblica da parte dell'Ordine (insieme ad Aser e al collega Claudio Visani) contro l'Università di Bologna per il concorso per un posto di addetto stampa. Nel bando ai candidati si chiedeva, tra i requisiti, di avere la laurea. Infine dopo gli aggiornamenti su due ricerche commissionate dall’Ordine (su Graziella Fava e gli anni ’70 e su Ustica), si passa a formare le commissioni. Sono i mini-gruppi di lavoro in cui ogni consigliere può chiedere di entrare e in cui lavorerà in prima battuta. Le decisioni finali ovviamente spettano all’intero Consiglio.
Io scelgo la commissione deontologica (ovviamente si occupa di deontologia, e sanzioni disciplinari) e quella che valuta le richieste di iscrizione al registro dei praticanti.
Prossimo rendez-vous 1 luglio.

1 luglio, 2° riunione dell’Ordine.
Non sono più seduta accanto al presidente, ma al segretario Olivieri (lì trovo la cartellina stile presentatore tv, con il mio nome). Di fronte a me il tesoriere Tonelli e accanto a lui la vicepresidente Chiappini. Bombonato capotavola. Finite le descrizioni.
Si comincia con promemoria della giornata: per chi non lo sapesse, stasera a Conselice (Ra) la Notte bianca contro la legge bavaglio. La discussione si sposta sulle elezioni del Consiglio dell’Ordine nazionale e Bombonato ci aggiorna sulle novità (chi è stato eletto, prox decisioni sull’esecutivo ecc ecc). Si passa poi agli arretrati: in fondo al cassetto (causa elezioni) ci sono almeno 50 richieste di colleghi in attesa del corso per pubblicisti. Si decide che si farà entro luglio, probabilmente in due giorni pieni, affittando una sala di un albergo.

Altre decisioni. Rispondiamo sì alla richiesta di Ufo, l’unione fotografi organizzati di Bologna, di un contributo per il libro fotografico sugli anniversari delle stragi a Bologna che sta per uscire. Io ne approfitto per raccontare del dialogo avviato, qualche giorno prima, tra fotografi bolognesi e il Coordinamento precari….In comune problemi e difficoltà quotidiane, che prima o poi bisogna affrontare per loro e per noi (meglio prima). Si apre una mini discussione, soprattutto sui giornalisti tuttofare ma spesso non preparati e pagati sempre uguale…..ci torneremo..
Altra decisione su Davide Oddone, giornalista de L’informazione di San Marino. Dopo le minacce, un ministro del Titano ha annunciato querela. L’Ordine gli offrirà l’assistenza legale e incontrerà i segretari di Stato di laggiù sperando che la querela non vada avanti….
In finale passiamo in rassegna le richieste di iscrizioni di aspiranti praticanti e pubblicisti…un ginepraio di situazioni e pseudo contratti in cui non è sempre facile prendere decisioni!
Prima di salutarci, riferisco anche dell’incontro del giorno prima tra una delegazione dei Freeccp e il Pd dell’Emilia-Romagna e la promessa di una chiacchierata con l’assessore Muzzarelli

E’ quasi ora di pranzo, ci si rivede il 12 luglio. E poi il 26 (alla faccia di Brunetta!) [Michela Suglia]

4 commenti:

  1. sarah buuuono4 luglio 2010 13:55

    come sei brava sugliola!

    RispondiElimina
  2. Ottima idea quella delle "cronache". Utile per rendersi conto del funzionamento del nostro ordine sconosciuto ai più. Continua così

    RispondiElimina
  3. Grande! sempre avanti cosììììììììììììì

    RispondiElimina
  4. Queste "cronache dalla sala dello spoglio" sono davvero un'ottima iniziativa. Complimenti!

    RispondiElimina